Pubblicato da: giulyg78 | 16 luglio 2011

Bianca come il latte, rossa come il sangue

Romanzo davvero originale per questo giovane autore esordiente. Una trasposizione moderna di quello che poteva essere stato l’amore cantato dai poeti del Dolce stil novo, da Dante a Petrarca. Sonetti moderni, cantati magari da un i-pod o attraverso un sms. Ma la purezza di questo romanzo è nella purezza dei sentimenti e dei protagonisti. Ragazzi che affrontano l’adolescenza e la vivono sopportandone le cicatrici quotidiane. Ma ogni battaglia conduce alla maturità e alla scoperta di sè stessi. Bellissimo il percorso di crescita sia spirituale che intellettuale del protagonista; col passare del tempo, e mai come in questo caso il suo trascorrere è così relativo, crescono i sentimenti, crescono le paure, cresce la voglia di vita, cresce la speranza, crescono i protagonisti. E una guida d’eccezione è il giovane prof, cavaliere della vera voglia di insegnare e trasmettere la voglia di imparare ad insoddisfatti e super coccolati giovani. Spunto (forse) biografico dell’esperienza scolastica dell’autore, “vecchio” agli occhi dei suoi studenti, “giovane” come il suo primo e più fervente estimatore: Leo. E il bianco non sarà più il colore del nulla, del vuoto, dell’insicurezza, ma sarà la base sulla quale disegnare le pagine della vita, rossa, viva e potente.

Annunci

Responses

  1. Grazie di cuore!
    A.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: